La fascia elastica

Fascia elastica

La fascia elastica è un porta bebè non strutturato, realizzato in maglina di cotone, in jersey singolo o doppio, in cotone misto a elastan o cotone misto bambù. La maggior parte delle fasce elastiche in commercio ha una lunghezza che supera i 5 m di stoffa, ma alcune marche producono anche fasce di circa 4,5 m, mentre la larghezza oscilla tra i 50 e gli 80 cm, con le code generalmente stondate.

Questo tipo di fascia è utilizzabile fin dalla nascita ed è indicato anche per i prematuri o per i bimbi con basso peso alla nascita.

Le sue caratteristiche infatti garantiscono un’ottima vestibilità, legature molto aderenti e confortevoli, perfette per ricreare le sensazioni uterine di cui il neonato ha bisogno.

Proprio a causa però dell’elasticità del tessuto queste fasce sono consigliabili solo per legature davanti, pancia a pancia, con un tripolo sostegno (tre strati), fino a circa 7/8 kg del bambino.

  • Permette di sostenere il bimbo nella posizione fisiologica, garantendo il giusto supporto alla colonna vertebrale, alla testa e alle gambe.
  • E’ comoda (sia per il genitore che per il bambino).
  • E’ sempre perfetta, perché la legatura viene realizzata modellando la stoffa attorno ai due corpi.
  • E’ a taglia unica e può essere così usata da entrambi i genitori.
  • E’ confezionata con un stoffa che avvolge e aderisce perfettamente attorno ai due corpi.
  • E’ un valido supporto porta bebè da usare con i neonati, anche prematuri, perché permette di assecondare la naturale posizione fetale e di garantire il contenimento uterino di cui i piccolini hanno bisogno.
  • Distribuisce molto bene il peso del bambino sulle spalle, sulla schiena e sui fianchi del portatore.
  • Permette di realizzare legature pancia a pancia.

All’inizio può sembrare complicato utilizzare questo tipo di porta bebè e può essere utile essere affiancati da una Consulente del Portare, ma una volta appresa la tecnica e presa un po’ di confidenza diventa semplice e immediato.

La fascia viene avvolta attorno al corpo del portatore e del bimbo con una legatura a tre strati.

Il piccolo viene accompagnato nell’incrocio ed adagiato seduto comodamente nei lembi, al di sopra del baricentro del portatore, perfettamente aderente al suo corpo, fino ad ultimare la legatura e a garantire una posizione confortevole.

Con questo tipo di fascia si può portare fino a circa 6/8 kg del bambino, quando il portatore si renderà conto che la stoffa sarà diventata cedevole e la legatura meno aderente e stabile.

  • La fascia elastica è un supporto ottimale in caso di bimbi nati prematuri, con basso peso alla nascita o bimbi che tendono a stare molto raccolti in posizione fetale.
  • E’ adatta a reggere il peso del bambino solo nei primi mesi di vita e le legature realizzabili sono molto limitate. E’ possibile portare in sicurezza solo davanti (con la pancia del bimbo rivolta verso quella del portatore) ed è opportuno introdurre un altro tipo di supporto quando il portatore sente che il bambino non è più sostenuto all’altezza in cui lo terrebbe in braccio
  • Fate attenzione ad acquistare una fascia che abbia con gli orli ben rifiniti, che non si arrotolino e un’etichetta o un simbolo che segnali la metà, per avere dei riferimenti che possono aiutare ad apprendere le legature con maggiore facilità.
  • E’ fondamentale scegliere fasce realizzate con coloranti non tossici, meglio ancora se presentano delle certificazioni.
  • Avendo una misura standard, può risultare troppo lunga se il genitore è molto basso o molto magro.
  • L’utilizzo di un supporto non strutturato non è immediato, ma richiede tempo sia per apprendere le tecniche, sia per realizzare la legatura stessa. Qualora incontraste qualche difficoltà, non arrendetevi, ma fatevi affiancare da una consulente del portare esperta!

Pin It on Pinterest

Share This